L'ENFANT CHIC            IL PENSIERO FLOTTANT              À LA PAGE     


giovedì 21 aprile 2016

#bastatacere e sensibilizzare (sapere è potere)



Prima di intraprendere la stesura di questo post è necessaria da parte mia una premessa che potrete anche chiamare paraculata se volete ma la ritengo importante e non va data per scontata. Aderendo a questa campagna non voglio fare di ogni erba un fascio, non voglio generalizzare e sopratutto non scrivo questo post per puntare il dito contro delle maxi categorie, contro reparti ospedalieri, contro le ostetriche contro i pediatri (il mio è eccellente) contro i ginecologi (il mio è un amico, una persona splendida e un medico a cui affiderei senza di dubbio la mia vita). Scrivo questo post e aderisco a questa campagna perché ce l'ho col "sistema". Sì. col sistema, come una dei 99posse, dove però per sistema io intendo una pratica pericolosa e assodata, un comune sentire che intona il partorirai con dolore e ne fa una tradizione, un costume che non sembra certo voler essere superato dal progresso scientifico ospedaliero. 

L'altra sera dopo quindici minuti sulla pagina Facebook di #bastatacere (qui) borbottavo per casa camminando su e giù per il corridoio e non mi capacitavo di così tante testimonianze, così tante storie diverse ma anche simili nel comune senso di abbandono, nel trauma che ne emergeva anche dai racconti più sintetici. Ho pensato anche che non poteva trattarsi solo di un'orda di donne ansiose e pedanti, non potevano essere tutte donne con una bassa soglia del dolore o sfortunate, di certo non potevano essere testimonianza di donne che hanno partorito in qualche ospedale sperduto in un paesino del Bangladesh. Qualcosa non sta andando.


La mia esperienza l'ho già raccontata qui sul blog e come sempre per tutte le cose che in vita mia mi hanno traumatizzata, parlarne e riderci anche un po' su mi è servito. Una cosa che mi ha aiutata è stato anche sentire le esperienze di chi mi ha raccontato del suo parto, di come a volte le cose non sono proprio andate come si vede nei film, certo, sentire così tante voci di traumi non mi ha tranquillizzata. Perché il parto deve essere un trauma? Perché questo viene comunemente accettato?

Bastatacere più che una campagna di denuncia deve essere una campagna di sensibilizzazione, per questo in parte condivido la forma anonima dei post sulla pagina Facebook, passando per il web che è un mezzo senza dubbio potente ma privo di filtri, bisogna sempre contenere il pubblico per non rischiare far diventare un'iniziativa di denuncia una roba da denuncia. 
Per quello che leggo spero che le testimonianza di queste donne servano a portare all'attenzione di tutti quanti uomini donne, donne in attesa, donne che non vogliono fare figli, maschi ignari di tutto, personale medico, ministri, persone influenti ecc, che c'è una realtà molto cruda e taciuta, nascosta sotto il mondo color pastello delle mamme partorienti e dei loro bebè.

Il primo intoppo nel grande ingranaggio che va dal restare incinta allo scodellare il fagotto d'amore è proprio causato dal fagotto d'amore. Il parto è un momento felice, nasce un bambino e tutti dimenticano tutto diventando involontariamente complici del trascurare il paziente mamma. Nasce il bambino e ci si deve occupare di lui quel che è stato è stato, va nutrito, addormentato cambiato va "allevato" e tutto e tutti si dimenticano, spesso la stessa madre rimuove velocemente il trauma perché non ha modo di pensarci troppo o perché tutti intorno sono con gli occhi a cuore e sembrano ubriachi e nessuno ha poi così tempo di stare dietro ai punti ai dolori ecc. Se la mamma nel post parto sta male il primo pensiero va al bambino che deve essere nutrito e accudito.


A fare da spalla a questo fatto poi c'è un solido sottostrato culturale radicato e comunemente accettato che vede la mamma sottomessa al dolore nell'atto estremo di dare alla luce il bambino. Si partorisce con dolore, lo sa la bisnonna, lo sa la nonna e lo imparerai anche tu. E muta. La nonna ha partorito nel campo e poi si è rimessa a zappare, la bisnonna Marisella ha partorito seduta alla macchina da cucire mentre confezionava le divise per i soldati al fronte, la zia Brunella ha partorito quattordici figli senza mai andare all'ospedale ma solo con l'aiuto della levatrice del paese che faceva nascere vitellini pulcini e cuccioli di pastore maremmano. Sì, ok. Siamo nel 2016 però.
Dobbiamo accettare che si deve soffrire. La mamma nel momento del parto è annullata, teme per la sua integrità fisica e per quella del bambino e non va sottovalutata la componente ansiosa che lascia inermi spesso. Quando poi tutti intorno fanno spallucce e ti dicono che c'è da patire perché sì, capisci che c'è un fraintendimento di base.

Io non sono femminista, chi mi legge da tanto lo sa, non sono di quelle con i peli nelle ascelle, il mestruo fiero e il reggiseno alle fiamme, però lasciatemi dire che per troppo tempo nel mondo della gravidanza e del parto hanno fatto le regole gli uomini. Capita che anche il personale medico e ostetrico femminile (che vorresti più sensibile a questo tema) ha finito involontariamente per routinizzare una pratica che invece è delicata e diversa da paziente a paziente; se siamo pazienti e stiamo partorendo in un ospedale ci devono essere delle regole per il dolore, per la degenza e per il trattamento. Se scelgo di partorire in casa sotto i raggi di luna e circondata dagli elfi ok, è una mia scelta e me ne assumo le responsabilità ma se mi ospedalizzi mi devi anche garantire che non soffrirò, che vedrò un medico e che non sarò lasciata mai sola. Mentre invece spesso il leitmotiv di quelle testimonianze è un po' il "devi fare da te"

Alla base di tutto c'è anche una grande disinformazione. Una specie di infarinatura generale su parto e  allattamento viene data a tutte, anche alle più disinteressate ma la verità è che tutte dovrebbero sapere tutto quello che spetta e che c'è da sapere; ogni donna incinta dovrebbe conoscere le pratiche esistenti contro il dolore, ci dovrebbe essere una maggiore informazione sulle tecniche e le pratiche degli ospedali, ogni donna deve sapere tutto sull'allattamento naturale o artificiale e non ascoltare solo la politica scelta dal distretto asl o dalla struttura più vicina. Sapere è potere, anche in questo caso.

E poi non lo so, se penso ad un mio futuro secondo pargolo (state tutti calmi che si fa per dire)  l'unica persona che vedo con me in sala parto è Giulia Bongiorno, serissima e che brandisce da una parte una severa ventiquattro ore piena di complicatissime carte e dall'altra la carta fondamentale dei diritti delle partorienti vergata su una pergamena. 

Ma questa sono sempre io che scherzo per sdrammatizzare.


p.s. se anche solo una futura partoriente grazie a questo post si mette a raccogliere informazioni su quelli che sono i suoi diritti e su quante pratiche e tecniche di parto sono presenti in italia nei vari ospedali io già mi sento di aver fatto qualcosa.




6 commenti:

  1. Io, partorirò a novembre.
    Grazie, Connie.

    RispondiElimina
  2. Molto bello il tuo post, tra le testimonianze di questa campagna c'era anche quella di una mia amica che ha subito dei danni nell'ostilità del personale della clinica (certamente più chic nella forma ma uguale agli ospedali nella sostanza); lei mi ha raccontato la sua storia solo dopo il mio parto, qualche giorno dopo il suo, per non impressionarmi. Io posso dire di essere stata una miracolata, ma non ho comunque un bel ricordo del parto né dell'ostetrica che mi ha aiutata: quando le chiesi se la ragazza della stanza accanto stava iniziando a spingere (la conoscevo ed eravamo entrate insieme in sala travaglio), la sua risposta sprezzante è stata: "Certo, quando non si fa l'epidurale!", come se io fossi stata colpevole di qualcosa. E nel raccontare il parto, nei giorni seguenti mi sono sentita dire da alcune "amiche": "Beh, ma tu hai fatto l'epidurale!" come se avessi barato a un gioco.
    Molte volte la verità è che siamo noi donne le prime a farci del male e a non avere empatia e compassione, considerando normali gli abomini che si ripetono di continuo negli ospedali.
    Un abbraccio, ti leggo sempre,
    Elisa

    RispondiElimina
  3. Io partorirò fra tre settimane, più o meno. Quindi ok, grazie.

    RispondiElimina
  4. Condivido tutto, infatti informandomi ho trovato questo tuo post.
    Tranne però quell'idea di femministe "con i peli nelle ascelle, il mestruo fiero e il reggiseno alle fiamme". Il femminismo secondo me è soltanto la lotta contro qualsiasi tipo di violenza sulle donne, inclusa quella ostetrica, e si batte per il rispetto alle scelte di ognuna di noi, che veniamo giudicate spesso in tutti gli ambiti della vita. Se magari le prime femministe sono state un po' incavolate era perché uscivano dall'oppressione maschile più vorace. Un'oppressione che direi si manifesta ancora in Italia in situazioni come quella del parto, come hai spiegato al meglio.
    Grazie per le tue parole che avrei condiviso appieno se non fosse per questo particolare e spero che accetti le mie critiche construttive.
    Ti consiglio anche di vedere il Ted Talk di una scrittrice che amo e che non ha i peli nelle ascelle :) https://youtu.be/hg3umXU_qWc

    RispondiElimina
  5. Ma certo che accetto la critica, spero che tu abbia capito che il mio era un accento ironico e non troppo derisorio e mi riferivo alle femministe radical chic degli anni '60, non certo alle donne che hanno lottato per i nostri diritti fondamentali in momenti cruciali della storia. Volevo solo sottolineare che la mia non era una posizione contro il maschio inteso come capo della tribù ma contro un sistema regolare da uomini per cose di donne. Tutto qui volevo stemperare con ironia una posizione piuttosto forte. se leggerai altri post del mio blog capirai che sono un po' coglionciona così, tendo sempre a fare battute anche negli argomenti più seri. Ma grazie per la critica e guarderò il ted talk (anche se avesse avuto i peli nelle ascelle lo avrei guardato!) :)

    RispondiElimina
  6. Vorrei ringraziarti per il tuo post, intelligente e ben scritto. Anch'io ho subito un parto terrificante. Non è successo in Italia, ma in un paese anglosassone: per dire una banalità, tutto il mondo è paese. Non ho ancora superato gli scherni e l'indifferenza delle ostetriche di fronte al mio dolore. Per non parlare delle successive inutili torture psicologiche e fisiche per l'allattamento. Riprendendo sia il tuo post sia uno dei commenti, trovo incredibile il fatto che la violenza sia spesso opera di donne contro altre donne. Violenza delle ostetriche durante il parto, delle madri nel commentare il tuo trauma facendo spallucce ("tanto il bambino sta bene"), violenza delle amiche che non riescono a capire il bisogno nel raccontare il trauma vissuto. Sono contenta che questa iniziativa possa portare le donne a solidarizzare e superare la solitudine. Infine, penso che purtroppo conoscere i propri diritti sia importante ma non sufficiente. Il parto è un momento in cui si è fragili e si dovrebbe essere trattati con rispetto. Neanche Giulia Buongiorno riuscirebbe a difenderti in quel momento. Serve veramente un cambio di testa nelle persone che dovrebbero prendersi cura della paziente, non umiliarla e schernirla. Speriamo che iniziative come questa possano aiutare a cambiare la testa delle donne. Il mio consiglio per le partorienti: non so se sia possibile in Italia, ma cercate di conoscere prima le persone che si occuperanno di voi durante il parto. E rompete le scatole per avere una persona di cui vi fidate.

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Post in evidenza

Bevete molta acqua, non uscite nelle ore più calde e procuratevi queste cose...

Quest’estate non si sa perché, non si sa per come, le parigine ci hanno imposto il loro look un po’ trasandata/chic/effortless, con que...