L'ENFANT CHIC            IL PENSIERO FLOTTANT              À LA PAGE     


giovedì 23 luglio 2015

il cinema d'estate di connie - film tristi, ma tristi forte eh!

ATTENZIONE, DOPO LA LETTURA DI QUESTO POST VI SENTIRETE TRISTI E IRRIMEDIABILMENTE MAILINCONICI

Ve lo dico subito, ho volontariamente escluso qualunque film con Robin Williams da questo elenco perché ritengo che, al momento, qualunque film con lui sia da piangere, anche la serie Mork e Mindy! (Patch Adams, Risvegli, al di là dei sogni...ehm ehm) 

Insomma, parliamoci chiaro, ogni tanto anche questi film servono, per dare una rinfrescata alla sacca lacrimale, per domare il premestruo, per abbrutirsi accucciati sul divano cincischiando nervosamente dei kleenex ormai saturi di lacrime, per dimenticare le nostre piccole tragedie quotidiane e piangere per tragedie di altri ben più articolate e sceneggiate, insomma: Ma perché piangi? PERCHE' HO VOGLIA DI PIANGERE, OK?

Su twitter ho fatto un sondaggio su quali siano i vostri film tristi preferiti e devo dire che sono tornati più o meno sempre gli stessi titoli, salvo rare eccezioni di drammi cecoslovacchi sottotitolati in bulgaro o gente che piange per Scuola di polizia.

Sicuramente qualcuno ho scontentato, soprattutto i romantici che piangono con le storie d'amore ma non posso farci niente, le storie d'amore non mi fanno piangere, ne salvo pochissime; è che per piangere ho bisogno delle malattie, dalla morte, delle separazioni insanabili, dei drammi madre/figlio. La lista è bella corposa e qualcuno potrà contestare che mancano dei vecchi classici, o dei film di storia, o comunque qualcosa di ancora più pensante e più ricercato ma alla fine è cinema estivo e chi sono io per non fare una lista drama/pop?



UP
A grande, richiesta, a furor di popolo: i primi quindici minuti di UP. Che poi diciamocelo, compromettono un po' tutta l'allegria e le cose esilaranti del resto del film perché quei primi minuti con la moglie sono devastanti e ci ripensi anche mentre c'è il beccaccino.


A.I. ARTIFICIAL INTELLIGENCE
Questo film a suo tempo mi ditrusse. E mi distrusse a tal punto che non l'ho mai più riguardato, mai. Le scene terribili sono due per me e non ve le anticipo prima di tutto perché ci ripiango solo a descriverle e poi perché anche voi dovete vederlo e soffrire.


FORREST GUMP
Non è un film triste, lo so. Però l'ultima mezz'ora è di una malinconia struggente e la scena in cui Forrest chiede a Jenny se il loro bambino è intelligente mi lascia appallottolata sul pavimento ogni volta. Secondo me in questa lista ci sta di gran di diritto.


BROKE BACK MOUNTAIN
Una delle storie d'amore più belle e tragiche di sempre. E poi Heat fa un po' ancora l'effetto Robin Williams.


THE TREE OF LIFE
A me Terence Malik piace, mi piace quell'insieme di immagini bellissime in sequenza che sul momento ti sembrano scollegate e poi fanno parte di un'unica, intera, visionaria storia e se voi non capite i suoi film mi dispiace, io con questo film mi faccio delle frignate da renderci fertile il Sahara.


LADRI DI BICICLETTE
Ah l'ansia, l'angoscia, la pena che mi fa quel bambino. Ho visto questo film sono due volte e anche molto tempo fa ma ricordo che mi fece commuovere non poco e lo riguarderei volentieri.


IL MIGLIO VERDE
Anche questo un plebiscito. Dopo questo film vi rimarrà impossibile ascoltare cheek to cheek cantata da Fred Astaire senza pensare all'ultimo miglio che percorrono i condannati a morte. Disperazione allo stato puro.


MILLION DOLLAR BABY
Andai a vedere Million dollar baby ad una terza o quarta uscita con un tipo e, finito il film, dovetti rinunciare al dopo cinema perché, perdendo trucco e dignità, ero ridotta ad una maschera di rimmel e volevo solo andare a casa a piangere a letto.


ESPIAZIONE
Ecco il dramma d'amore che voglio vedere, quello vero, quello struggente, quello con le bombe e le distanze e le separazioni senza possibilità alcuna di felicità in fondo al tunnel del pianto e della disperazione (l'abito verde vale il film)


I PONTI DI MADISON COUNTY
Dopo questo film ripenserete al fidanzatino del mare a cui avete dovuto dire addio perché voi eravate di Reggio Calabria e lui di Trento, ripenserete a tutti gli amori che avete razionalmente scartato per fare altre scelte nella vita e piangerete pensando chissà se lui mi ama ancora dopo tutti questi anni? (Sì, Clint la fa un po' da padrone insieme a Tom in questo post)


IO & MARLEY
Dai, alleggeriamo questo clima con un film su un cane. Ma siete pazzi? Ho dormito col cane tre giorni dopo questo film! E non ho volutamente guardato Haciko perché basta drammi canini, basta!

10 commenti:

  1. Suggerisco anche The Lovely Bones... l'unico film al mondo dopo il quale (al cinema) non riuscivo più a smettere di piangere, imbarazzando parecchio mio marito (normalmente piuttosto non imbarazzabile)

    RispondiElimina
  2. Suvvia, non puoi non mettere Neverland... Che pianti tra me e mio marito!

    Laura Kanuka

    RispondiElimina
  3. Oltre a The Champ che già ti ho segnalato su twitter, direi che potresti struggerti anche con Charlot (o Chaplin, dipende se vedi l'originale o la versione italiana), che incredibilmente fa piangere.

    RispondiElimina
  4. Allora, qui debbo dire la mia e aggiungere qualche titolo ai tuoi già lacrimevolissimi film - anche se non è che valga poi tanto, io piango anche vedendo Capitan America.
    1. Mary and Max. C'è lui che è matto forte ma tanto tenero e se ci ripenso mi vengono i lucciconi.
    2. Nuovo Cinema Paradiso: nemmeno commento, mi basta risentire la colonna sonora per poter fare il bagno nelle mie lacrime.
    3. Hachiko: a Tokyo ho pianto pure vedendo il monumento che gli hanno dedicato.
    E ora vado a rivedermi Il miglio verde, mi si sono seccate le lenti a contatto.
    Mavie

    RispondiElimina
  5. Con Io e Marley ho visto piangere il mio serissimo e imperturbabile ingegnere, alla fine ci siamo guardati, abbiamo guardato il nostro misto maremmano, ci siamo commossi, ci siamo sentiti una piccola sgangherata famiglia in erba e promessi che mai a poi mai la nostra esistenza non sarà accompagnata da un cane. Bellissima selezione Connie ❤️
    Giulia

    RispondiElimina
  6. Up non ho mai voluto vederlo perché so di quei dieci minuti e mi si stringe il cuore. A me vengono in mente Gran Torino, e La custode di mia sorella.
    Elisa.

    RispondiElimina
  7. Alabama Monroe mi ha distrutta per giorni. E no, non per la povera bambina malata, per tutto quello che le ruota intorno. Ancora adesso quando ascolto la (splendida) colonna sonora rientro in un mood che pochi altri film mi hanno dato.

    RispondiElimina
  8. Connie se vuoi vedere un film d'amore che fa piangere guarda Qualcuno da amare.

    RispondiElimina
  9. Io sono l'unico che ha pianto con TED sia il primo che il secondo?

    RispondiElimina
  10. Concordo pienamente con Alabama Monroe ma sono l'unico che ha pianto anche con TED? Sia il primo che il secondo!

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Post in evidenza

Bevete molta acqua, non uscite nelle ore più calde e procuratevi queste cose...

Quest’estate non si sa perché, non si sa per come, le parigine ci hanno imposto il loro look un po’ trasandata/chic/effortless, con que...