L'ENFANT CHIC            IL PENSIERO FLOTTANT              À LA PAGE     


giovedì 30 aprile 2015

Gocco Kids - amore a prima vista



L'altro giorno sono andata da Coin per cercare dei pigiami e delle canottiere della Petit Bateau, dato che diventa sempre più difficile vestire un'indemoniata che si dibatte come un pesce pescato di fresco,  ho deciso finalmente di abbandonare gli angosciosi body coi loro maledetti bottoni. Ho scoperto che ci sono rimasti pochi corner della Petit Bateau, soprattutto intimo e pigiami per fortuna  e hanno  una nuova linea di abiti per bambini ed è stato amore a prima vista. 
Si chiama Gocco e la potete trovare qui.

Da Coin hanno diverse cose in vendita ma sul sito potete vedere i look book e tutto quello che producono. Purtroppo si può comprare online solo in Spagna e ovviamente come per Zara i prezzi sono migliori. Però per la Nina ho preso un costume e due abitini per l'estate e la qualità dei materiali e della confezione mi sembra buona.



E poi vabbè, della roba da "Vestivamo alla marinara" da perderci la testa e molte linee romantiche e un po' retrò; fantasie e colori pastello ma anche ricami e tessuti come lino e pizzo sangallo.






martedì 14 aprile 2015

le dieci regole della coppia felice (con ma anche senza figli)



Sapete che ogni tanto mi piace fare un bilancio della vita di coppia dopo l'arrivo della pupa, in generale non è che le cose poi cambino molto di mese in mese, ci si stabilizza e se si è fortunati si trova un equilibrio, si trova la forza di sopravvivere a quel desiderio di bere la candeggina delle 19:00 quando tu sei stanca morta e la vorresti mollare al suo babbino e il babbino e stanco morto e la vorrebbe mollare alla sua mammina.



Qualche settimana fa sull'Huffingthon post era uscito un articolo che parlava dei dieci segni della coppia "sana", l'ho letto e io e il babbo della Nina avevamo davvero pochi segni, si salvavano solo quelli più generici e scontati tipo rivolgersi la parola. Non so, saranno diversi i nostri parametri o il nostro modo di intendere la vita di coppia, tuttavia credo che, se l'amore si misura su una colazione portata a letto o sul darsi il bacio la mattina prima di uscire di casa, allora forse i telefilm ci hanno davvero fritto il cervello. Ovviamente non voglio neanche dire che ci prendiamo a pizze in faccia o che non ci consideriamo, solo che i bambini ti spingono ad un pragmatismo estremo e devi imparare a distinguere i veri gesti d'amore da quelli imposti dalla pubblicità del mulino bianco. A volte lasciare l'altro riposare o farsi una doccia di venti minuti o dedicarsi a una cosa che ama fare vale più di mille mazzi di rose, credetemi.


Ho provato a fare un piccolo elenco, una lista di consigli/regole da prendere moooolto con le molle e da adattare alla vostra situazione di coppia con eventuali rimaneggiamenti e sfumature.

1- DISTRIBUIRE I COMPITI
Quando arriva un bambino la casa diventa più o meno come una casa erasmus con inquilini di tutte le nazionalità: non ci si capisce più un cazzo. E' fondamentale distribuire i compiti. Sì lo so che qualunque cosa voi la fareste meglio e in meno tempo ma vi dovete sforzare di delegare e soprattutto di delegare al babbo piccole cose da fare con la prole. Prendetelo come punto di impegno quello di fare in modo che siano loro ad imboccarli a tavola, a mettere il pigiama o semplicemente giocare un po' dopo cena. Delegare libererà voi da un impegno che conoscete bene e vi permetterà di staccarvi un attimo dal compito di muadre. Come serve questo alla coppia? Siamo entrambi stanchi, le cose da fare non finiscono mai e sapere che, di quelle mille cose, ce ne sono cinquecento per uno, allontanerà inutili tensioni e litigi.

2 - INTERESSI COMUNI
Non vi sto dicendo di mettervi di coppia a fare i gioielli di fimo o gli annaffiatoi decoupage ma basta poco, una serie tv da cominciare a seguire imponendosi di guardarlo sempre e solo insieme senza sgarrare. Oppure leggere lo stesso libro, seguire un corso insieme o dedicarsi al restyling di qualche angolo della casa.

3 - EVITARE LE "BRUTTE SITUE"
Cosa sono le "brutte situe"? E' molto variabile. Cene o pranzi da parenti invadenti, amici inopportuni, locali non adatti ma anche film pesanti, ikee varie ecc. Se lo riuscite a prevedere e se potete, cercate di evitare i luoghi che generano tensioni, discussioni e litigi. Frequentate persone che vi diano serenità, persone con i vostri interessi, amici veri o se vi piace conoscete persone nuove. Dovete essere molto schietti e lucidi per fare una scelta del genere e comunque non sarà per sempre ma, almeno per un periodo, se potete, evitate.

4 - ARGOMENTI
I Bambini sono fagocitatori di interesse e finire a parlare solo ed esclusivamente di loro diventando delle amebe monotematiche è molto facile. Per questo il punto due vi sarà molto utile. Discutere un'intera cena sulla puntata di House of Cards vi permetterà di non parlare per un po' di tonsille, asilo e pannolini e il vostro cervello di coppia si riposerà.

5 - ONCE A WEEK
Lo so che non è facile e che necessita la presenza di una baby sitter o di una nonna o zia compiacente ma almeno una volta alla settimana imponetevi un momento fuori casa solo per voi: una cena, un cinema, un paio d'ore per negozi o anche solo una passeggiata in centro. Anche se avete litigato, anche se piove, anche se non avete voglia mettere il naso fuori dall'albergo di shining vi farà bene.

6 - PROGETTATE
Progettate, progettate e progettate; anche se non ci sono i soldi, anche se non c'è tempo, anche se vi sembra che non ci sia nulla da progettare e anche se forse sono solo sogni nel cassetto. Cercate voli e alberghi, guardate case, prendete la pianta del vostro appartamento e pensate a come lo vorreste risistemare. Oppure progettate il vostro matrimonio, progettate una casa sull'albero o fate un business plan per aprire un chiringuito in sudamerica. Vi sembrerà stupido ma passerete tempo insieme e vi sembrerà tutto meno faticoso.


7 - FATEVI BELLI
Magari avete deciso di passare tutta la vita insieme e lo avete sancito con l'arrivo del pupo, magari davvero vi volete bene benissimo e nulla potrà scalfire il vostro amore ma questo non vi autorizza a rinunciare al romanticismo e al sex appeal (che parola vintage) e soprattutto non vi autorizza al gilet di pile, alle ciabattone relax e alle pinze in testa. Ricordatevi che il mare è pieno di pesci ( e di troie ) e che la persona più fedele e razionale può vacillare se la prima immagine che salta alla mente quando vi si pensa è la tuta di acetato delle medie.

8 - CONCEDETE SPAZIO
Lo so che il tempo che rimane per se stessi è poco e lo so che questo gesto prevede lungimiranza e generosità, cose che noi donne ad esempio in premestruo non possiamo minimamente concepire, tuttavia concedete spazio; lasciate tempo per un hobby e pretendete tempo per qualcosa di vostro.

9 - PARLATEVI
Parlatevi di tutto, non abbiate paura di dire "Non ce la faccio più". Dopo il parto e nei mesi a seguire nella coppia si sviluppa una strana alchimia, una specie di intimità nuova alimentata da uno step ulteriore che fa il rapporto di confidenza, questa alchimia va conservata e non soffocata o dimenticata. Prima eravate confidenti ora la vita è un po' più complicata e dovete anche essere buoni ascoltatori e a volte anche spalle su cui piangere.

10 - LITIGATE
Il lavoro e lo stress vanno lasciati in macchina e dimenticati prima di entrare in casa ma non sempre è facile, spesso bisogna difendere con le unghie e coi denti la funzione di angolo di decompressione che è la famiglia.  Però non tenetevi dentro cose che non vi piacciono. Litigate se avete avuto una brutta giornata, discutete se serve a chiarirsi, scontratevi sulle cose che non vi tornano e lottate per ottenere anche dei piccoli cambiamenti. Le coppie con figli che non litigano me le immagino a sacrificare capretti nelle notti di luna piena in mezzo al bosco.






domenica 5 aprile 2015

Arredare con l'oroscopo - Dalani



Allora, io non sono una molto attenta agli oroscopi, anzi, direi che sono anche piuttosto scettica sul fatto di credere che delle enormi sfere di roccia (roccia va bene!? così è deciso)  che ruotano nello spazio per chissà quale diavoleria della fisica, possano influenzare un mio colloquio di lavoro o l'essere presa in considerazione da qualche belloccio o che io e un ingegnere navale di Melbourne nati lo stesso giorno, dello stesso anno e con lo stesso ascendente, possiamo avere la stessa giornata con le stesse aspettative, ecco. Però l'oroscopo è quella cosa che si legge la mattina quasi per abitudine, per farci una risata o per inveire contro l'astrologo di riferimento in caso di previsioni troppo rosee; alla fine credere nell'oroscopo ci serve per confidare nel fatto che prima o poi un periodo un po' sfigato passerà o per prendere con filosofia qualche evento quotidiano.

Dalani ha creato una pagina dove ha suddiviso gli stili di arredamento e gli oggetti che propone in base a quella che ritiene l'indole da interiore designer dei vari segni zodiacali. Cliccando sul vostro segno si aprono una serie di proposte legate a palette di colori e materiali specifici nonché ambientazioni fotografiche d'ispirazione. Insomma se cercate un'impronta personale per un vostro stile date un occhio, potete avere saturno contro ma non sbagliatemi ad abbinare cuscini e copertina de divano, OK?


Nel caso del mio segno (la bilancia, e no, non lo so cosa vuol dire essere bilancia) ho trovato azzeccate, soprattutto e ovviamente in questa loro aria da campagna francese, queste proposte che vabbè con me sfondano portoni aperti che non vi dico. Sono moltissimi gli oggetti che mi piacciono e anche le ambientazioni e i colori, anche se ultimamente sto meditando di abbandonare la campagna per la città credo che questo genere di stile me lo porterò sempre un po' dietro.


Bilancia
queste bottiglie mi servono

quel porta oggetti in ferro mi serve

questo barattolo rosa mi serve

questa scrivania mi serve...e anche la sedia

mi serve anche quell'alazatina e il candelabro 

questi detergenti profumati Invece servono al mio instagram 


sabato 4 aprile 2015

Uova decorate, ci provo?




Figuriamoci se quelle perfettine gne gne gne di pinterest non facevano le fanatiche anche con le uova di pasqua decorate! Maledette!
Ho ancora in mente il mio tentativo "pasticcero" natalizio con i biscotti decorati, pettirossi che sembravano pinguini, palline ovali, decorazioni colate sulla teglia, fondi bruciacchiati ed eccoli lì invece i loro bei biscotti lucidi e perfetti che sembrano statuette di Capo di monte. 
Forse dovremmo mangiare e basta e smetterla di decorare il cibo come gli scandinavi che mettono la marmellata sul salmone.





Vabbè con le uova non si può sbagliare, dai, sto anche cercando dei tutorial su You tube per essere sicura di fare nel modo giusto e soprattutto per essere certa di non intossicare la mia famiglia utilizzando l'uranio impoverito per il decoupage. 


Intanto ho creato la cartella Pinterest che come sappiamo è la mossa primaria e fondamentale per qualsiasi impeto DIY.

giovedì 2 aprile 2015

Colloquio di lavoro: l'abito fa il monaco -

Se c'è una cosa di cui posso ritenermi esperta sono i colloqui di lavoro. Davvero. Ne ho fatti a decine per ogni tipo di lavoro e con qualunque tipo di selezionatore. Dimenticate quei consigli che vi danno nei grossi quotidiani e quelle dieci regole messe in croce che non sanno di niente, siccome l'abito fa il monaco e la prima impressione è quella che conta ascoltate bene quello che vi dico sul look da colloquio di lavoro e non sbaglierete. Cioè non sbaglierete l'abito se poi fate come me che, giusto per provare, vi presentate per fare lo scienziato al cern magari l'abito non vi basterà.

Se vi sentite sicuri del vostro abbigliamento e del vostro aspetto vedrete che vi sentirete anche più spavaldi nel conversare e nel rispondere alle domande, una buona dose di autostima passa dal sentirsi a posto ed è per questo che dovrete seguire questi pochi semplici consigli.

NON SIETE STEVE JOBS
Quindi non vi venga intente di fare quelli troppo spavaldi con un look casual da"tanto è quello che dico che conta" perché per i colloqui vale la stessa regola delle feste dove non si sa come saranno vestiti i partecipanti: a costo di passare da elegantoni meglio prediligere una combinazione di capi sobri ed eleganti. Se vi assumo al massimo vi chiameranno "piccolo lord" per i primi mesi

NON SIETE NEANCHE IL TESTIMONE DELLO SPOSO
Quindi non siate neanche troppo rigidi o impostati, non c'è bisogno di tirare giù dalla naftalina il completo gessato di quando avete fatto il padrino al battesimo di vostro nipote. Pensate con semplicità e in colori BASIC.

NON SIETE MOIRA ORFEI
Poco, pochissimo trucco, ovviamente non vi salti in mente di andare struccate ma neanche con i litri di fondotinta gli ombretti glitter o le ciglia finte a meno che non abbiate da fare un provino per qualche reality strambo di Real Time.


NON SIETE IL SANTO PATRONO
Quindi lasciate a casagli accessori e i gioielli vistosi, le sciarpe ingombranti, i cappelli, gli anelli e le collane, mollate quegli orecchini chandelier e preferite o nulla o solo qualche anello e delle perle ma sempre con sobrietà. 

NON SIETE BELEN AL PROVINO PER IL BAGAGLINO
Quindi anche se vi sentite sicure del vostro fisico da pin up non ci pensate a mettere in bella mostra cosce e scollature. Sottolineate fianchi e morbidezze con sobrietà ma senza inguainarvi.

ATTENTI AI DETTAGLI
Mani curate, capelli pettinati e puliti, io guarderei molto a queste cose se fossi un selezionatore. Un unghia smangiucchiata o un capello troppo acconciato o troppo sciatto dicono molto della cura personale. E poi scegliete una bella borsa, capiente e professionale, senza troppe tasche o borchie.

Insomma e che dovreste mettervi tirando le somme? Ecco una selezione di look a cui ispirarvi, una serie di outfit che vi potranno dare una mano a scegliere dei capi adatti in fase di shopping:



Una longuette può essere una soluzione adatta a patto che non abbia troppo spacco e non sia troppo attillata o sensualona  e una camicia bianca vi salva da molti impicci, direi che la camicia bianca in seta o in un bel cotone è un jolly che in questo caso vi potete giocare con tranquillità e sopra una gran serie di capi come dei pantaloni maschili.

ZARA

Un paio di pantaloni con taglio maschile vi aiuteranno a non sbagliare mai, potete abbinarli ad un blazer ma anche ad una camicia meno seria e basic di quella bianca magari in un colore pastello o in cotone color carta da zucchero ma potete tentare di abbinarli anche ad una t-shirt boyfriend ovviamente non in cotone ma in seta o popeline.


COS
Un blazer nero, blu scuro o antracite vi toglierà da qualunque dubbio sul capo spalla da indossare e su come rifinire il vostro look; potete abbinarlo sia alla longuette che ai pantaloni maschili ma potete anche metterlo su un abito o su dei pantaloni colorati (dove per colorato intendo comunque un marine o un grigio eh!)  per riequilibrare la serietà dell'insieme.


HELMUT LANG


L'abitino perfetto tipo Rachel Green che lavora da Ralph Lauren è una chimera a due teste ed è molto difficile da trovare in giro a meno che non si scelga un marchio di fascia alta o meglio ancora si abbia una sarta molto brava a disposizione. Spesso quel in commercio sono in tessuti pesanti come pneumatici di camion oppure hanno modelli con tagli così prestabiliti che per farli tornare bene addosso bisogna avere uno di quei fisici da manichino upim. In ogni caso se riuscite a trovare quello perfetto per il vostro fisico il tubino è il vero capo che vi risolverà qualunque problema, vi basterà abbinare una bella décolleté e sarete perfette anche per il colloquio per fare il presidente della repubblica.



REISS LEE


Anche in questo caso i maschi hanno vita più facile (strano no?) con un bel completo e una camicia  se la cavano ma io, per rendergli la vita più dura, sono anche un amante dei completi spezzati, dei jeans con un bel taglio e un bel lavaggio e delle giacche sfoderate di tweed. Con una combinazione sapiente di tessuti e colori si possono ottenere degli spezzati a volte anche più eleganti di un completo dello stesso colore. Ricordatevi che non siete né James Bond né Don Draper ma Portatevi sempre una cravatta (piccola e in un bel colore, no fantasie no nodo grosso come un bignè alla crema) e indossatela se vedete che il dress code dell'ufficio lo richiede e soprattutto anche se siete uomini duri che non devono chiedere mai curate molto le mani e gli accessori come scarpe cintura e borsa. 


COS




A proposito di colloqui di lavoro e di opportunità di farsi vedere  (e di guadagno) vi segnalo questa competizione online per studenti meritevoli, è un progetto molto interessante e trovate tutte le info nel link qui sotto:

Recommendations by Engageya

Post in evidenza

La nerd che è in me vs tutto il Pinterest del mondo

C'è un tempo per Pinterest, un tempo per Instagram, un tempo per le riviste patinate, un tempo per coordinare gli asciugamani in scala...