L'ENFANT CHIC            IL PENSIERO FLOTTANT              À LA PAGE     


venerdì 9 gennaio 2015

Due anni di Nina



Due anni di Nina, due anni da mamma, che posso dire? 

Questo ultimo anno è stato di certo diverso dal primo, meno in salita per certi aspetti e più complicato per altri. Il primo anno è più duro fisicamente e a livello pratico, ci vogliono mesi per riprendersi dal parto, da un giorno all'altro ti trovi con un fagotto da tenere in braccio, ti trovi con borse e pannolini e aggeggi vari tra i piedi, ti trovi due occhini puntati che ti guardano e non parlano e tu devi essere brava a capire ogni silenzio o ogni pianto. Il secondo anno riprendi piano piano in mano la situazione ma per certi aspetti con i bambini  diventa una prova psicologica, crescono e cambiano e diventano mini umani e meno bebè. La Nina comincia a parlare e a farsi capire, mangia da sola, cammina per la mano, chiede le cose,  è diventata piano piano sempre più autonoma ma anche più interattiva, buffa e di compagnia è anche cominciata la sfida continua del NO, delle bizze quando andiamo via dal parco giochi, dello sdraiarsi in terra come un attivista di Greenpeace quando cerchi di portarla via da un posto qualunque, del buttare il cibo in terra quando non lo vuole, del rovesciare il bicchiere con l'acqua, del tirare i giochi per le scale, del salire su tutto quello che simboleggia un mini k2 casalingo, ecc, ecc.
E' iniziato il periodo dei nervi saldi e dell'essere Zen. Per fortuna, mentre io perdo la testa, urlo e mi agito, il babbo è di carattere calmo e pacato (come farebbe a sopportare me altrimenti) e compensiamo cercando di tirare avanti senza andare fuori di testa.

Certo quando i figli crescono le ansie cambiano, ora mi trovo spesso a domandarmi se sia felice, se stia "registrando" ricordi belli di questi suoi anni, se posso farla essere bambina per più tempo possibile, mettendola al riparo dalle brutture del crescere velocemente. 
Sarebbe bello avere figli e non avere ansie ma credo che sia impossibile. 

Ho fatto stampare una foto del mare dove la Nina ride e abbraccia me e il suo babbo, quando la vede si illumina, ci nomina tutti, dice che è "ignuda al mare" e ride come una matta, boh, non lo so, sarà poco o nulla ma un pochino mi dice che sto facendo bene.

Auguri Nina detta la Punk



9 commenti:

  1. Auguri alla piccola bimba e alla grande mamma!
    Un abbraccio!
    Life, Laugh, Love and Lulu

    RispondiElimina
  2. Auguri Nina! Sei troppo simpatica!

    RispondiElimina
  3. Io ne sono certa. Credo che si sia genitori nel modo in cui si è come persone e tu, anche se non ti conosco, mi piaci molto, davvero :)
    Oh, sarà la PMS, ma mi sono anche commossa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarà stata anche la Pms però grazie Alessandra!

      Elimina
  4. Auguri alla piccola Nina!.... Mentre leggevo immaginavo Nina giovane donna che sfoglia i racconti della sua mamma....per conoscerla meglio.... per capirla meglio..... Per amarla ed amarsi di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che belle parole, grazie Marialetizia

      Elimina
  5. Anche la mia è nel secondo anno di vita e anche io mi ritrovo a pensare le stesse cose che pensi tu perché anche lei ha cominciato a fare i suoi ragionamenti, poi anche a pretendere, strillare. Quante volte mi sembra di esaurire la pazienza! Il mio mantra è "devo stare calma", meno male che Neffa ci ha fatto una canzone orecchiabile, ogni tanto aiuta.
    Auguri a lei e "ooohm" a te!
    Mara

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Post in evidenza

Di quella notte che ho letto decine di brutte storie

I o non sono una psicologa, anzi, ho fatto la scuola dei vestitini e ho un curriculum di storie d'amore piuttosto melodramma...