L'ENFANT CHIC            IL PENSIERO FLOTTANT              À LA PAGE     


martedì 14 ottobre 2014

Là dove c'era una casa...



C'era una volta la mia casa. C'erano una volta i miei cuscini di tartan appoggiati sul divano color corda, poi c'era il tappeto intrecciato e la libreria in ferro con i soprammobili, le bottiglie vintage, c'erano i vasi con i fiori recisi e i libri disposti cromaticamente sugli scaffali.

Poi è arrivata lei ed è diventato tutto un enorme nursery-tappeto-parco giochi open h24

E' inutile che mi metta su Pinterst a pinnare camerette, questa né dorme in camera sua né gioca in camera sua, o per meglio dire, camera sua è una delle varie ludoteche in cui si suddivide quella che una volta era una casa.

Ma quand'è che diventano brufolosi che stanno in camera propria ad ascoltare i uandairescion? 
Così io torno a disporre le mie cornici e i miei soprammobili.

E come mi sono incazzata quando ho letto su "Il metodo maman" che in Francia non esiste che i bambini tengano i giochi in salotto. Ma vabbè la mia amica francese ogni volta che le dico che la Nina ha il lettino ancora in camera nostra mi guarda come se le dicessi che le faccio fare qualche tiro di sigaretta. 
Eh, senti mangia baguette, ci vieni tu ad alzarti 48 volte a notte andando da una stanza all'altra? OK?

Comunque, procediamo per ordine:

La cucina
All'inizio c'ho provato a fare degli spazi riservati, tipo il cassettino delle pappe, la mensola delle stoviglie da bebè ecc, ora è ormai in atto l'invasione ibrida ed ecco che la sera vedo il pampa che mangia lo yogurt con un un cucchiaio/paletta di Hello Kitty o mi ritrovo a bere nel bicchiere coi manici. Tutto mescolato, tutto finito, mi rimane di apparecchiare la tavola per degli ospiti coi sottopiatti di Peppa Pig e fine.

Il Bagno
Vabbè, il bidet ormai è una piscina per bambole e peluche, ogni volta che devi usarlo devi svuotare, usare, asciugare e rimettere i pupazzi nella loro jacuzzi sennò magari si incazzano. Il water è in maniera molto pratica e agevole chiuso con un pila di giornali sopra perché alla tipetta non vengano strane idee su altre jacuzzi per bambole.
La doccia ormai conta la bellezza di 30 flaconi di qualunque cosa fra i prodotti che uso io che sono donna ed è un mio diritto, i prodotti che usa il babbo che è "una donna" ed è un suo diritto e tutto quello che serve per lavare un bambino. Nonché papere di gomma ecc (sì anche nella doccia)

La sala
Ah, la regina degli spazi ludici, colei che è presieduta da sua signora la tv, il sancta sanctrorum del caos dei giocattoli. E così ti trovi a scansare maledetti micropezzettini di plastica per andare dal divano alla tv e poi sederti su bambole, pezzi di lego, tazzine, libri da colorare e pastelli. Sul divano ( bianco perché non avevamo in programma figli quando l'abbiamo preso ) l'altro giorno ho visto una gigantesca macchia marrone. Ma porc...
Mi piego e che dovevo fare? Annuso. 
Nessun odore. 
MMMMM. Che sarà mai? Qualche fuoriuscita? Terra? Fango? Fondotinta? 
Era un biscotto secco e spiaccicato da mesi.
Non chiedetemi come l'ho scoperto che non mi va ancora di parlarne.

Io dico basta a questa invasione! L'interior designer che dorme in me si ribella a questo predominio.
Ho fatto dei grandi sacchi e c'ho buttato i giochi che non le vedevo usare da mesi, le cose di quando era più piccola, alcune cose le ho messe via e altri giochi li ho regalati. Ho chiuso le stanza dove non voglio che giochi, ho diviso le sue cose dalle nostre e buttato le cose che non servivano. 
No, i giochi non li ho buttati perché Toy Story mi ha rovinato e l'altro giorno ho anche raccolto un pupazzo buttato accanto ad un cassonetto l'ho, disinfettato, lavato e ricucito. 
Tranquilli che prima o poi troverò un gruppo di supporto.

Comunque sapete cosa? Dopo questa pulizia la Nina ha iniziato ad essere più calma mentre gioca, più ordinata e ha cominciato a giocare nella maniera giusta con le cose che le ho messo a disposizione.
Ogni tanto anche io faccio qualche mossa da brava muadre.



6 commenti:

  1. (Connie mi fai schiantare)
    Io non ho l’animo dell’interior designer ma anche io tenevo (tengo) molto ai mobili acquistati con grandi sacrifici. Soprattutto il divano, color corda, esattamente. E l’isola dello stesso colore con le sbavature che ricoprono l’intero perimetro. Dopo diciannove mesi di torture cinesi da parte della mia nana assassina ho deciso che purtroppo era l’ora di coprirlo. Anche se detesto i coprivano ne ho trovato uno verde asparago che si abbina molto bene con i cuscini marroni e i mattoni in bella vista del salotto (la mia casa è una rusticissima casa contadina praticamente non ristrutturata), quindi risolto il problema del divano (per l’isola ancora devo trovare una soluzione...consigli?) ho cercato anche io di limitare i giochi. Arianna dorme nel suo lettino (con grande fatica e grande gioia) ma nella sua camera ci sta pochissimo perché è fredda e umida. Quindi gioca principalmente in salotto, che è la stanza più usata da tutti, le ho lasciato 2 scatole in cui ci sono tutti i giochi che vuole, può buttarli all’aria come desidera a patto che prima di andare a nanna li rimettiamo a posto insieme. E ti dirò che la nana mi stupisce, ora mette a posto anche la dispensa di cucina!

    RispondiElimina
  2. Queste francesi! Se ti consola qui siamo ai 3 anni e la situa è ancora la stessa. Compreso il lettino in camera nostra (che però usa solo quando non sta bene o fa gli incubi, finalmente).
    Però mi hai fatto venire voglia di riprendere in mano le redini ed eliminare un po' di roba. Ma soprattutto togliere quegli orridi pezzi del tappeto di gomma dalle antine di vetro in sala.
    Ali

    RispondiElimina
  3. Bellissimo e divertente questo post! Qui siamo a 4 anni e mezzo e la sala è praticamente una ludoteca con tre bei sacconi di giocattoli, un contenitore di plastica e un cesto di macchinine piazzati dietro al divano! Questo quando c'è ordine e lui è all'asilo altrimenti è tutto sparso per il salotto con tanto di TV accesa! La cameretta è troppo piccola per farci stare tutti quei giocattoli e lui la usa quasi solo per dormire! Nel bagno può portarsi qualche gioco quando sta sul WC (d'altronde io ci vado col libro se no quando leggo?!?) oppure quando fa il bagno.Per il resto abbiamo appena deciso di cambiare divano perchè il nano ha imparato a non andarci a mangiare su per nessun motivo! Ti posso dire che negli anni la situazione migliora. Il lettino è finito nella sua cameretta quando lui aveva 4 mesi e si svegliava ancora la notte ma volevo che si abituasse da subito per cui mi sono fatta diversi km in notturna per un pò di tempo! Comunque, chissenefrega delle francesi, qui siamo in Italia! Ho un'amica che anni fa ha fatto domanda e poi colloquio all'Ikea e ha dovuto progettare una brochure con l'arredamento di una casa con mamma, papà e bambini. Bene, ha allestito il salotto con spazio giochi per i bimbi ed è stata assunta e ha ricevuto i complimenti per non aver confinato i pargoli in cameretta! Diciamo che ha rispettato la realtà delle cose!
    Ciao.
    Barbara

    RispondiElimina
  4. Io, purtroppo, sono circondata da esempi di madri barbose e monotematiche (solo cacchine, pappine, sciroppini e via dicendo); alcune addirittura si sentono in diritto di impartirti lezioni perché loro sono madri e tu no (e certe cose mica le puoi capire...). Per carità, forse hanno anche ragione ma devo confessarti che fare un giro sul tuo blog, per me, è come prendere una boccata d'aria: mi ricorda che si può essere ottime madri senza perdere la propria identità, l'entusiasmo e, soprattutto, l'autoironia. Grande Connie! Un bacio dalla Puglia.
    Rosy

    RispondiElimina
  5. Anch'io ero nella stessa situazione con il mio piccolo velociraptor.Maniaca dell'ordine,casa arredata con mobili costati un botto, in stile provenzale(cucina), country francese (salotto).Insomma tutto preciso...da rivista. Il piccolo dinosauro ha iniziato camminare (ed io ingenua che non vedevo l'ora che l'ho facesse,ah ah) ed é stata la fine. Poi ho seguito il consiglio di un mio amico (già un papà!). Il mio pargolo, secondo lui, aveva a sua disposizione troppi giochi.Bisognava farne sparire un pó e tre a rotazione, lui li riscopre. Non ci crederete ma ha funzionato!! La casa non è precisa come prima, ma non c'è più il rischio di rompersi l'osso del collo e in più,essendo meno giochi, li piace tanto il gioco rimettiamo tutto nel cesto 😁😁😁😉😉😉

    RispondiElimina
  6. aiuto, non ho nessuna stanza chiudibile perchè le porte sono a scomparsa. Sono finita.

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Post in evidenza

Perché parlo e parlerò poco del mio matrimonio

"Allora, come va con i preparativi per il matrimonio?"  Ecco la domanda che mi sento rivolgere da innumerevoli settimane a ...