L'ENFANT CHIC            IL PENSIERO FLOTTANT              À LA PAGE     


mercoledì 16 luglio 2014

formine giapponesi per uova

Qualche anno fa in un grande magazzino che vendeva cose per la casa " esotiche" comprai delle formine giapponesi per uova. 
Sapete che i Giapponesi sono fissati con i bento e col dare al cibo più comune delle forme particolari, ho anche interpellato una mia amica che ha vissuto in Giappone per molto tempo per chiederle se queste magiche formine avessero un nome proprio tipo kazumaro o shinizumoko ma niente, quindi le chiameremo "formine giapponesi per uova". 



Sono rimaste per quasi due anni ferme e ancora impacchettate nella mia cucina e poi l'altro giorno ho detto, boh, provo a vedere cosa viene fuori. Ecco qui sotto l'esperimento.
Le foto non sono belle come quelle delle food blogger e soprattutto alla fine ho messo l'insalata finta dell'ikea perché non avevo un cibo fresco in casa da poterci abbinarre, che scarsa in economia domestica che sono...



Da notare come nella sequenza di foto qui sopra non ci sia nessun modo di capire che nella prima foto le uova sono crude nella prima foto e  sono sode in quella dopo. Però non neghiamo che si capisce benissimo come sono fatte dentro le formine giapponesi per uova.


Come mai ho fotografato solo la formina blu?...mmmm, forse perchè la formina verde mi era uscita male e sembrava caduta dal terzo piano? SI


Devono stare in frigorifero per quasi un quarto d'ora e no, non si possono aprire un pochino prima per vedere di nascosto l'effetto che fa...


Però dai, sono belline no?

3 commenti:

  1. Ma io le voglio assolutamente! Devono entrare a far parte della mia collezione di attrezzi giapponesi per cucinare che non uso mai! :D

    RispondiElimina
  2. Fantastiche! Mi chiedo se si possono utilizzare anche x altri alimenti. Io sto scaricando foto in cui il cibo (soprattutto frutta) si trasforma in qualsiasi cosa,x far mangiare mio figlio che ha l'età di Nina,altrimenti mu guarda perplesso.

    RispondiElimina
  3. Noi la forma a macchinina la vendiamo al negozio di mio marito, ma non ci avevo mai fatto caso finché oggi, mettendo un po' a posto, ho alzato lo sguardo e ho pensato: "LA CONNIE!"
    Un bacio da Elisa da Roma!

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Post in evidenza

di quella volta che ho perso una scarpetta nel fiume

L'altro giorno, in una delle mie sessioni meditative, tipo quelle in cui fisso le tende arancioni di organza dei miei vicini chiede...