L'ENFANT CHIC            IL PENSIERO FLOTTANT              À LA PAGE     


martedì 30 agosto 2011

Che paura tilda swinton

Qualche mese fa , prima di leggere una sua intervista su un inserto del Corriere, per me era solo una bruttona che faceva la cattiva nei film. Una specie di carampanona gigantesca e funebre. Ma da quello che trapelava nell'intervista e' pure antipatica e snob come poche cose al mondo; di quelle che aborrono lo starsisitema, non si sentono vippepegniente, non sono belle fuori ma belle dentro e vivono vestite di cachemire in qualche shire con tanti figli,tanti labrador e zzzzzz.
E dopo aver visto queste foto su "W" posso anche affermare che e' parecchio parecchio sicura di se'. A me fa paura, ma paura davvero, roba che se fisso la foto e per caso muove gli occhi mi internano.





martedì 23 agosto 2011

Il billionaire

Dice che dei russi ( popolo sobrio ed elegante, bandiera di un lusso mai ostentato) sono andati al Billionaire e hanno bevuto 85.000 euro di Cristal scordandosi poi di pagarlo. Ora, io non voglio fare la solita morale trita e ritrita dello schiaffo alla poverta', molto simile alla trita e ritrita tiritera dei calciatori che sono superpagati dei politici magnoni ecc. Non faccio questo tipo di morale prima di tutto perche' e' troppo facile seconda cosa perche' dyomyo che palle!
E poi ogni categoria umana e subumana ha diritto ad avere i suoi luoghi di svago.
Piuttosto parlo di quanto e' orrido il Billionaire come locale! Mi e' capitato anni fa di passarci una serata ( offertami da facoltoso fidanzato pirla eh, cosa credete io sono povera in canna! ) e posso affermare in tutta sincerita' che trattasi di noiosissima balera lussuosa.
A dire la verita' non e' manco divertente da vedere o criticare perche' non e' questa orgia di lusso, anzi, e' piuttosto mediocre e pacchiano come ambientazione e la clientela e' prevalentemente composta dai russi suddetti, da carampane e panzoni con la barca, e poi ci sono le escort minorenni e tutti quelli che per una sera spendono come per un week end all'estero e sognano di essere come i russi suddetti o quelli con la barca ma in realta' sono assicuratori di Bergamo.
Tutta la Costa Smeralda e' un po' cosi' diciamo, infatti non e' per nulla Sardegna, ma e' tanto Italia!

E se pensate che il peggio del peggio siano quelli che si fanno le foto davanti agli yachts ormeggiati a Porto Cervo, c'e' anche un gradino piu' basso e subumano...


venerdì 19 agosto 2011

Abercrombie and Fitch, te la sei cercata!

camicia, giumbotto e petto nudo!Yeah!


Ok, al tempo dell'uscita del costume col sopra imbottito per le bambine volevo scrivere quanto e' idiota il marchio Abercrombie & Fiche. Poi mi pareva di essere uno del Moige e ho smesso di scrivere pensando che se una mamma e' talmente sciagurata da comprare alla sua figlioletta di 6 anni un costume con le tette imbottite si merita di pagarlo 80 euri e si merita sopratutto che la figlia intorno ai 13 anni stia gia' frequentando il  trentesimo partner sessualmente attivo.
Ma ora poi che scopro che non vogliono Mike "The situation" di Jersey shore come loro cliente e testimonial e che anzi sono disposti a pagare perche' non compri i loro cenci, beh, ora l' Abercrombie & Fiche esagera eh! Innanzitutto chi vorrebbero come testimonial, William e Kate? Non so, non ce li vedo a girare per Cambridge con infradito e orrende camicioline a quadretti. Oltre a produrre cose in taglie da mentecatti per cui sembra tutta roba da bambini ( io ho solo una polo che mi sta strettissima di spalle, mi seghetta le ascelle ma in compenso mi arriva sopra le ginocchia), sono cenci scopiazzati e costosissimi. Allora perche' vende? Perche' c'e' la coda per entrare nei loro negozioni profumati? Non so, la roba di Abercrombie mi sembra che la compri solo l'italiano che porta ancora la polo col colletto alzato e il marsupio e che si sente un vero ganzo perche' una bimbettaminkia molto figa gli sculetta intorno ripiegando canottiere. Per quanto riguarda le donne, dopo che ho visto fuori dal negozio Abercrombie a Londra due carampane ululanti farsi fotografare con quei tipetti mezzi nudi, non ho avuto bisogno di conoscere altro.


lunedì 8 agosto 2011

Must have- andare in ferie

Si', e' vero, c'e' la grisi e dice che bisogna risparmiare e non sperperare il denaro inutilmente e io lo sto facendo, giuro! Non compro proprio piu' niente a saldo, basta! Perche' il cervello delle donne e' una macchina perversa e incomprensibile e mentre ci sono 40 gradi all'ombra e fa in generale un caldo porco per me e' naturale perdere ogni minimo interesse nei confronti di sandali e costumini vari e comincio a pensare a quel cappottino di tweed visto sul giornale o allo stivale in pelle sopra il ginocchio. Ed ecco prima di partire per le mie meritatissime ferie che vi lascio un appuntino sui mieimiapiu'senza di questo autunno che, uffa, tarda ad arrivare.
Il Blog della Connie e in questo caso piu' nello specifico la Connie, vanno a scorrazzare per le vie di Parigi con un Velib e a quanto vedo dalle previsioni indossando un bel trench e una sciarpetta. Eh si', io che vivo in campagna vado in vacanza in citta', sono troppo asociale per le spiagge d'agosto e troppo pigra per le scarpinate montane.
À bientôt

 acquistare almeno numero 1  paio di sandali invernali con la zeppa

spennare  piccioni per farmene accessori

acquistare numero 2 body in pizzo che sta su tutto in bianco e in nero

celo


l'autunno non comincia se non si compra almeno un capetto pied de poule

acquistare numero 1 abitino scamiciato

Aggiungi didascalia

rassegnarsi solennemente al ritorno massiccio della vita alta

martedì 2 agosto 2011

Cameron chi? Cameron Diaz?


Ormai si sa non mi stanco mai di dire che non sono una fescio' blogghe e giusto per cementare questa mia affermazione parlo del mio paese che e' la cosa meno fescio' che ci sia in giro. E ne parlo perche' e' balzato agli onori della cronaca non perche' e' entrato nel Guinnes dei primati come "il paese con il piu' alto numero di supermercati" o ben piazzato nella categoria "il paese con il maggior numero di case costruite e invendute", o meglio ancora nella categoria "il paese con il sindaco peggio vestito", piuttosto perche' una cameriera impudente e rivoluzionaria di un bar del centro storico si e' rifiutata di servire il cappuccino al tavolo al primo ministro inglese David Cameron.
IL CAPPUCCINO GATE!
Non mi soffermo sull'estetica e sulla collocazione del bar ma piuttosto su questo gesto così fermo e risoluto, il bar non serve ai tavoli e non fa favoritismi figuriamoci poi se ne fa a quei panzoni scrocconi dei politici di tutto il mondo! 

Peccato che poi la cameriera suddetta abbia rovinato la poesia del tutto dicendo che avesse riconosciuto il personaggio l'avrebbe servito. Nooo non dire così, vuol dire che se al bar ci si sedeva Fabrizio Corona il cappucino glielo portavi al tavolo e magari glielo offrivi pure?

Eh si',le chiacchiere stanno a zero, e' tutta colpa di quel sempliciotto di Cameron che non e' sempre in televisone, viene in in Toscana con misero volo di linea, si veste anonimo, c'ha la moglie un po' cozza e gira senza 4 uomini di scorta...

Recommendations by Engageya

Post in evidenza

La nerd che è in me vs tutto il Pinterest del mondo

C'è un tempo per Pinterest, un tempo per Instagram, un tempo per le riviste patinate, un tempo per coordinare gli asciugamani in scala...