L'ENFANT CHIC            IL PENSIERO FLOTTANT              À LA PAGE     


venerdì 8 luglio 2011

i maschi casalinghi

Quando ero piccolina un amico dei miei genitori mi soprannominò Mamma Ebe, giusto perché mentre giocavo tendevo un attimino a  comandare e a mettere tutti a bacchetta. Crescendo la situazione non è molto migliorata e dato che non sono diventata una capitana d'industria la mia smania di comando si sfoga sopratutto all'interno delle mura domestiche. Io sono una gran rompicoglioni e voglio che le cose siano fatte prevalentemente dagli altri e prevalentemente a modo mio, e non è stato facile andare a convivere con queste premesse. Pensavo che tutti i miei problemi di coordinamento del settore "casa"  nascessero dalle innate pessime abitudini di quel povero figlio che si accompagna a me medesima, tuttavia nelle ultime settimane ho scoperto di non avere un problema troppo originale e mi son trovata a discutere con altre amiche che in questo momento stanno affrontando il mio stesso travaglio: Educare la classe maschile ad un sano mantenimento ed utilizzo dello strumento "casa".


Per gli uomini la casa è un enorme divano, non importano i soprammobili, i quadri, gli oggetti di modernariato, i libri di fotografie, niente! Basta la tv, il divano e un numero sufficiente di cavi che li colleghino alle varie playstation. Noi donne siamo come il bambino del film "Il sesto senso" riusciamo a vedere cose che loro proprio non riescono neanche a percepire: puzze varie, polvere, aloni, macchie. Ma vi dirò una cosa, è peggio quando provano a fare qualcosa, quando dicono che si metto a "darvi una mano"! Allora lì è palese la totale ignoranza di una qualunque nozione base di economia domestica.


Allora mettere una lavatrice sarà l'equivalente dell'azionare l'acceleratore del Cern e, nel tempo che impiegate a rispondere a quesiti del tipo "metto l'ammorbindente?""metto lo smacchiatore?""a che temperatura?""quanti giri di centrifuga?", ne avete messe due di lavatrici e una si è già asciugata.

Oppure se siete stanche possono sempre cucinarvi una cenetta. Così per aver mangiato una pasta dovrete poi pulire la cucina per tre giorni, lavando il mixer, due minipimer, 4 pentole e una ventina di mestoli e togliere le macchie di sugo dal soffitto ( perché mentre lui cucinava voi vi siete riposate quindi a mettere in ordine ora tocca a voi.

E poi ci sono tutte quelle perle, che ammantano di splendore tutta questa storia del vivere insieme, anni e anni di cattive abitudini maturate sotto le materne ali della mamma che ora si scontrano con un sano vivere di coppia.

-lasciare un bagno in puro stile Fukushima ( acqua alta, odori tossici e detriti ) tutte le sante mattine
-lasciare abiti seminati in ogni angolo a sottolineare insicurezze abigliamentarie ( mi provo sei camicie lascio fuori cinque camicie) 
-domandarsi dove vive quello gnomo che ogni giorno rifà il letto
-free pass per tagliarsi le unghie ovunque
-potersi sfamare a qualunque ora del giorno, ho fame presto: si cena alle sette. Ho il calcetto: si cena alle nove.
-conoscere il menù della cena a metà mattinata.
-indifferenza nei confronti del concetto di "spesa": se una cosa manca prima o poi andrà ricomprata.
-esigere capi stirati il giorno x alle ore y
   
Io per ora non sono stata tanto brava, sono riuscita solo ad abolire il freepass.

3 commenti:

  1. Ahaha!! Allora non sono cascata poi così male, tranne il concetto di pulire molto allentato, il mi marito fa un po' tutto, ma stirare no, sono due anni che si abita insieme e tutte le volte mi dice che deve imparare, ma non prova mai e quando ha provato, sembrava tenesse in mano una granata in procinto di esplodere!!! E l'aspirapolvere, un ottimo aspirapolvere, in mano sua, chissà perché....non aspira mica tanto bene!!!!! Bah!!!!!!

    Jude

    RispondiElimina
  2. Tranquilla Jude, il ferro da stiro, come la lavastoviglie e la lavatrice, rientra nella categoria Cern!

    RispondiElimina
  3. AHAHAHAHHHH.....PARIMERITO CON L'IINVECCHIAMENTO!!!

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Post in evidenza

commessa una volta commessa tutta la vita

Quando sei stata commessa lo rimani per tutta la vita, l'esperienza lavorativa ti segna. Nessuna ex commessa o attuale commessa potr...