L'ENFANT CHIC            IL PENSIERO FLOTTANT              À LA PAGE     


lunedì 15 novembre 2010

Imperial Chines Robes V&A Museum



Non si può parlare solo di vestiti!
Come al solito il Vicotria & Albert Museum di Londra propone  retrospettive interessanti per chi cerca un po' d' ispirazione ed è appasionato di storia del costume. 
Dal 7 Dicembre 2010 al 27 Febbraio 2011 si terrà l'esposizione intitolata  Costumi Cinesi imperiali dalla città Proibita, dove saranno esposti sontuosamente e per la prima volta in Europa, tre secoli di abiti regali e vesti storiche indossate da imperatori ed imperatrici della dinastia Qing.


La Città Proibita di Pechino è stato il luogo di lavoro e residenza degli imperatori, era una fortezza circondata da alte mura e cancelli imponenti, era un luogo inaccessibile e vietato a tutti tranne i funzionari della nobiltà e dello stato di altissimo livello. All'interno di questo vasto complesso di palazzi, saloni, santuari, edifici di servizio ogni aspetto della vita era sottoposto ad un rigido regolamento e c'erano rigidi codici abbigliamentari.
I vestiti e gli accessori sono stati conservati  con cura nel guardaroba palazzo per oltre duecento anni ed ora sono esposti per testimoniarci uno stile di vita pieno di fascino, lontano e ormai perduto.




In mostra ci saranno abiti elaborati e raffinati, cappelli, scarpe e vestiti per bambini, tessuti con motivi geometrici e floreali splendidi, creati da abili tessitori per l' imperatrice e le sue dame di corte. L'esibizione esplorerà anche le complesse regole e le convenzioni di palazzo, poiché  i vestiti dovevano essere indossati in occasioni ben precise e avevano una loro precisa destinazione: dalle vesti ufficiali per i rituali importante agli  abiti da festa per banchetti e cerimonie,fino alle vesti per la caccia e le visite reali alle province.

Nessun commento:

Posta un commento

Recommendations by Engageya

Post in evidenza

Perché parlo e parlerò poco del mio matrimonio

"Allora, come va con i preparativi per il matrimonio?"  Ecco la domanda che mi sento rivolgere da innumerevoli settimane a ...