L'ENFANT CHIC            IL PENSIERO FLOTTANT              À LA PAGE     


mercoledì 7 dicembre 2016

Sei ideuzze per piccoli regali di Natale

Forse è già tardi per darvi qualche dritta per dei piccoli regalini natalizi ma perché non provarci? 
Vi lascio una piccola lista di quelli che secondo me sono delle strennine niente male e hanno anche un prezzo giusto e vario per fare bella figura e non regalare il solito paio di calzini con disegnate le renne o il cero votivo.


Ormai di loro vi ho già parlato quando cantavo le lodi delle borse in tela ma per 12€ un regalo personalizzato mi sembra azzeccato e perché no, visto le fantasie che propongono può essere anche un bel regalo per un maschio!

qui il link per il negozio etsy


Poi mi ritrovo di nuovo qui a decantare le lodi del profumo solido di Sabé Masson da portare in borsa di cui ho consumato non so quanti caricatori, la confezione è super e già da sola è bellissima, non avrete bisogno neanche di perdervi a fare elaborati pacchetti (la mia profumazione preferita è zazou)!


Siete in cerca di un regalo per una fidanzata ma non volte fare il solito regalo segsci scontato, banale, rosso e pieno di lacci? Le ragazze dell' Atelier Henriette ricamano al tombolo delle culotte in cotone di cotone, soffice come una nuvoletta e molto raffinato e sensuale. E poi potete far ricamare sulla mutandine quello che volete...anche "sei una poco di buono".


I libri per colorare non mettono proprio tutti d'accordo, alcuni li considerano infantili e trovano una perdita di tempo rilassarsi colorando come i bambini dell'asilo; altri invece,  tipo me, riescono ad arginare alcuni disturbi ossessivi compulsivi colorando casette e ricamini. 
Vi suggerisco questo che si trova sia su amazon che su urban outfitters e anche in alcune liberie (mi dicono).


qui il link per il sito dell'illustratrice

Quando ho iniziato a mettere le prime foto di casa nuova vi ho fatto vedere per primo il bagno, dato che era anche la prima cosa finita, e in molte mi avete chiesto dove avessi trovato la fantomatica mensola per la vasca da bagno. Vi dico come è andata: l'ho cercata sotto ogni forma e nome, inserendo nelle barre di ricerca parole a caso e spesso senza criterio, per scoprire che si chiama MENSOLA DA VASCA DA BAGNO. Assicuratevi di regalarla a chi ha una vasca e non solo la doccia ma può essere un bel regalo per chi ha una casa nuova o un bagno da rendere un po' più accogliente. Io l'ho trovata solo su amazon ma sono certa che in città sia più reperibile, soprattutto nei negozi di accessori per la casa nord europei.


Ok, ok, forse regalare una t-shirt è sintomo di adolescenza repressa ma queste di Atelier Beaurepaire le trovo molto chic e anche se hanno i costi di spedizione un po' altri sono un regalo che come dicono i giovani è  davvero "cool". Io ne ho una e la metto sotto le giacche da nonna. 
E poi vengono dal canale Saint Martin...
Sempre in tema di oggetti personalizzati e se volete regalare un qualcosa di prezioso ma che non sia proprio un anello di fidanzamento ci sono gli anelli personalizzati di Beads & Co. secondo me sono perfetti anche per fare un regalo all'amica del cuore!


Spero di avervi dato qualche piccola dritta.


lunedì 28 novembre 2016

Il Natale passato, presente e futuro...con i propri nonni




Ieri sera su twitter vi ho chiesto di raccontarmi il  ricordo più bello del Natale passato con i vostri nonni, un po' perché i miei ricordi ancora sono un po' dolorosetti e faccio fatica a metterli in ordine,  un po' perché questo sarà il mio primo Natale senza l'ultimo nonno che mi era rimasto che poi  era anche il nonno dei Natali perché festeggiavano a casa sua. I vostri ricordi sono stati una bellissima lettura e no, non mi hanno fatto piangere ma mi hanno dato molta serenità.

Il fantasma dei natali passati ci vede tutti intenti fare i conti con grandi tavolate e raduni familiari ma sempre con un nonno pronto a mangiare complice i canditi che non ci piacciono, oppure assorti in qualche cucina a contare ravioli, avvolti nell'odore di ripieno che sovrastava la cucina della nonna. Ci sono i nonni col regalo outsider, la banconota lasciata di sottobanco al "nipote preferito", ci sono i ricordi di bambine che si fanno belle per scendere a tavola e stare sedute vicine alla nonna, e le messe di Natale infagottati nel cappotto più bello per la mano guantata di una nonna in pelliccia, odorosa di canfora. Le Nonne presenti ogni Natale con la piega perfetta e la spilla sul maglione a forma di stella alpina, o i nonni che nel calderone dei mega robot e delle bambole parlanti mettevano un lavoretto in legno fatto da loro e incartato nella carta di giornale. E le nonne come direttrici di grandi hotel, capaci di gestire ospiti e menù degni di una cena alla casa bianca che non mancavano mai di lasciare al "nipote preferito" la ciotola dell'impasto da ripulire!
E i nonni che ogni anno ti fanno il loro regalo, che sia un profumo che non metterai mai o un pigiama fuori moda e i nonni pieni di acciacchi che non rinunciano a sedersi a tavola il giorno di Natale perché sanno che loto sono il collante, sono il nodo del tiro alla fune e devono stare ben saldi nonostante tutti gli strattoni.

E adesso? Il fantasma del Natale presente ci dice che, chi può, se li deve tenere stretti e fare tesoro di tutto quello che ancora posso dare, dal racconto, al piccolo regalo; ci insegna a spendere qualche minuto in più, a fare una telefonata più lunga o qualche chilometro in più anche solo per passare poco tempo con loro in quel giorno perché per loro non saremmo mai abbastanza grandi da non avere bisogno della banconota outsider o sempre deperiti da non aver bisogno di leccare anche la ciotola con l'impasto del dolce.

Perché chissà cosa ci dirà il fantasma dei Natali futuri? Forse ci dirà che i nonni ci saranno sempre, nel nostro modo di festeggiare di occuparci degli altri, dal modo in cui curiamo un ripieno per i tortellini al fermarsi a guardare il film di natale fino a tardi con un nipotino, al gesto di accompagnare la mamma alla messa di Natale, al voler per forza radunare un po' la famiglia, almeno per un giorno. Sì perché i nonni siamo noi, anche se ancora non lo siamo e forse non lo saremo ma loro sono nei nostri gesti e proprio in queste occasioni, nelle pieghe della memoria, si trovano i rituali e i ricordi più dolci.

Recommendations by Engageya

Post in evidenza

Sei ideuzze per piccoli regali di Natale

Forse è già tardi per darvi qualche dritta per dei piccoli regalini natalizi ma perché non provarci?  Vi lascio una piccola lista di quel...